Porta droga al convivente detenuto a Secondigliano: donna finisce ai domiciliari

2' di lettura 16/03/2023 - Ha tentato di portare droga al convivente detenuto nel carcere Secondigliano di Napoli, ma l'attenzione e lo scrupolo del personale di Polizia Penitenziaria addetto al Settore casellario e Reparto colloqui ha scoperto l'illecito e la donna è stata denunciata e poi posta agli arresti domiciliari.

A dare la notizia è il Vicesegretario Regionale per la Campania del Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria SAPPE Lello Munno: "Nella giornata di ieri, al Reparto Colloqui, si era presentata la donna, che aveva nascosto della sostanza stupefacente, per incontrare a colloquio il convivente detenuto. I controlli della Polizia Penitenziaria hanno scoperto la droga e la donna, dopo i contatti intercorsi con l'Autorità giudiziaria, è stata denunciata e poi posta condotta agli arresti domiciliari. Il nostro encomio va ai colleghi in servizio a Secondigliano che mantengono alta la guardia, opponendo la propria azione con grande professionalità a garanzia della legalità, come in questa occasione".

Munno da notizia anche di un ulteriore rinvenimento di sostanza stupefacente destinata ad un altro ristretto di Secondigliano: "Ieri gli uomini assegnati al settore che si occupa del controllo pacchi postali hanno rinvenuto della droga abilmente occultata in un pacco postel. Tutto sequestrato e posto nella disponibilità dell'Autorità giudiziaria. Questo ritrovamento di oggetti che possono senz'altro minare l'ordine e la sicurezza del carcere, oltre a favorire le dinamiche criminose nel penitenziario, inquieta non poco", conclude.

Il segretario generale del SAPPE Donato Capece plaude "alla professionalità, alla abnegazione ed all'astuzia del personale operante. Ogni giorno la Polizia Penitenziaria porta avanti una battaglia silenziosa per evitare che dentro le carceri italiane si diffonda uno spaccio sempre più capillare e drammatico, stante anche l'alto numero di tossicodipendenti tra i detenuti. L'hashish, la cocaina, l'eroina, la marijuana e il subutex - una droga sintetica che viene utilizzata anche presso il SERT per chi è in trattamento – sono quelle che più diffuse e sequestrate dai Baschi Azzurri. Auspico che l'Amministrazione penitenziaria promuova ed intensifichi momenti di formazione ed aggiornamento professionale per il personale di Polizia Penitenziaria di tutta la Regione, in particolare sui temi – come quelli del contrasto all'introduzione di droga e telefonini cellulari in carcere – maggiormente utili alla quotidianità operativa dei Baschi Azzurri."


da Sappe
Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-03-2023 alle 12:13 sul giornale del 17 marzo 2023 - 16 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carceri, sappe, Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dXPe





logoEV
qrcode